poesia

Poesia delle sfere celesti: Leopardi, Guidacci, Giuntini

Personalmente, ho sempre considerato il Canto notturno di un pastore errante dell’Asia il vertice della poesia di Leopardi, in cui la sua lirica trascende i limiti dell’angustia  del borgo selvaggio e del compatimento autoreferenziale   per espandersi in una dimensione cosmica, con il cielo e il deserto unici testimoni della desolazione del pastore per le domande di senso ostinatamente rimaste senza risposta:

Dimmi, o luna: a che vale

al pastor la sua vita,

la vostra vita a voi? Dimmi, a che tende

questo vagar mio breve,

il tuo corso immortale?

images
  (altro…)
Annunci